martedì 19 maggio 2009

Donne Zavorre


Per una volta voglio difendere la categoria degli uomini, stiamo parlando di un certo tipo di poveracci, quelli che a un certo punto della loro vita decidono di mettersi insieme o meglio di sottomettersi a una donna terribile, la donna zavorra! È un tipo di donna, molto intelligente, molto seduttiva, una sorta di Black Widow, che ti succhia tutta la miscela dal serbatoio con un tubo che le hai prestato tu! Chi si accorge del pericolo di questa donna? Normalmente un’altra donna, che ancora più furba, lascia fare, l’uomo dovrà accorgersi da solo di quanto è scemo. Sotto questa donna dal fascino irresistibile, l’uomo da il peggio di sé, e solo privandosi di questa presenza riesce di nuovo a spiccare il volo. Non vi è mai capitato di vedere delle opere di uomini che dopo un divorzio anche chiacchierato riescono finalmente a tirare fuori quello che erano prima del matrimonio, come se una porta improvvisamente si spalancasse sul buio facendo finalmente entrare di nuovo la luce? Facciamo finalmente un esempio: se Guy Ritchie, il regista di “Rocknrolla” incontrasse Sean Penn e Warren Beatty al Nighthawks di Edward Hopper, avrebbe questo dialogo:
- Ragazzi sono riuscito a fare finalmente un film decente, da quando mi sono lasciato con mia moglie, sapete?
- Sì, lo sappiamo, ci siamo passati pure noi...
e infatti io voglio darvi nome e cognome della regina di queste donne zavorre: Veronica Ciccone, al secolo Madonna, quando passa lei non cresce più un’idea, le succhia tutte lei. Pensateci bene: Warren Beatty con Madonna ha fatto il suo film più stupido “Dick Tracy”, Sean Penn ci ha recitato in Shangai Surprise, ne vogliamo parlare? Il voto su IMDB è 2,6! E il povero Guy Ritchie appunto non solo ha fatto il film più brutto della storia del cinema di tutti i tempi, “Travolti”, ma ha passato gli anni più brutti della sua vita accanto a questa pazza che gli ha pure imposto le regole di divorzio più assurde del’universo!
Quindi, amici, adesso vi guardate attorno, allo specchio, e se non lo avete, andate dalla vostra più cara amica, dovete averne una, altrimenti non siete uomini e le chiedete:
- Secondo te, io sto con una donna zavorra? - Se vi risponde:
- Devo dirti la verità? - voi avrete già capito che la risposta è sì, quindi la lasciate immediatamente con un sms, a lei non gliene fregherà niente, si metterà solo alla ricerca di un altro uomo mongolfiera, un pallone gonfiato, come eravate voi fino a un minuto fa!

4 commenti:

Ted ha detto...

L'eleganza di Hopper per questo bel post.

Anonimo ha detto...

Lui parla con il barman, lei è lontana, sembra assorta nei suoi pensieri, si guarda le unghie fresche di manicure e ci fissa un pensiero… ha capito di essere una donna zavorra, di averlo consumato e ora la solitudine. Eh si è proprio la fine. Giusta immagine per le tue parole.

janefonda ha detto...

quanto mi piacciono i tuoi editoriali degli spostati...

Sara ha detto...

Ahahahahahahah!!! Non ci avevo mai pensato!! Sublime!