lunedì 11 luglio 2011

Un matrimonio sbagliato


Ma siamo impazziti? Ma le regole dell’alta società dove sono finite? O meglio “quando” sono finite? Pochi giorni fa, o forse il 19 aprile 1956, quando la donna più bella del mondo sposò uno degli uomini più brutti, che poi, vedi alle volte, diventò bellissimo da vecchio? Forse quel giorno Grace Kelly, una donna che le aveva tutte eccetto un titolo, e per la quale Alfred Hitchcock, coniò, amando non riamato, l’ossimoro “ghiaccio bollente”, insomma la principessa di Hollywood più che di uno staterello iva esclusa, non poteva sapere che sposando uno che con lei non c’entrava niente avrebbe poi inconsapevolmente generato con quel matrimonio in bianco e nero tutto il macello di questi giorni, oltre ai tre fiorellini che conosciamo. Ho davanti gli occhi una cartolina comprata proprio a Monaco: in un giardino seduti ci sono Ranieri e Grace, alle loro spalle in piedi i tre ragazzi, Stefania già col broncio, Carolina bella come oggi con al fianco Philippe Junot (ve lo ricordate?), e Alberto ancora sgonfio e con i capelli. Mi sembra tutto regolare, no? Dissolvenza ai giorni nostri: Grace perita in un incidente assurdo, Ranieri morto di dolore, Carolina vedova e sposa erroneamente, Stefania lasciamo perdere, e Alberto, il nuovo re che oggi assiste al suo matrimonio con una bellissima Charlene Wittstock come fosse quello di un altro, distratto, pensando al buffet. Ma stiamo scherzando? Ma come, sua madre, nel suo ultimo film “Alta Società” mi ha fatto capire tutto e lui non hai ancora capito niente? È quindi un re quello che lascia piangere una ragazza tra i singhiozzi, senza una carezza, senza un gesto di conforto ma al contrario solamente con smorfie stizzite? No! L’unica acqua che avrebbe dovuto bagnare quelle gote poteva essere pioggia o l’acqua delle piscine di tutto il mondo, che fino allora avevano scolpito quel corpo atletico così inquietantemente WASP (White AngloSaxon Protestant), così simile a quegli stessi colori di Grace da Philaelphia, che 55 anni fa sedussero Ranieri. Sull’altare abbiamo quindi assistito a una lezione di mal ton del 2000 impartito da un re in persona. Per fortuna lei, in questo trambusto emozionale, dove i secondi durano secoli, è anche riuscita a regalare un sorriso straziante: un misto tra un “adesso mi passa” e un “ tesoro vedrai, andrà tutto bene”. Che grandiosità d’animo hanno le donne, quanto devono insegnarci ancora: la lezione l’ha data lei, a tutto il mondo, e l’uomo non ha fatto nient’altro che l’ennesima figuraccia. Anche Grace poco prima del matrimonio era impaurita e spaventata “sarà il caso?” confidava alle sue più care amiche, ma il fascino della favola all’epoca ebbe la meglio. Oggi che le favole non esistono più e con 100 euro da Gap ti rifai il guardaroba non mi sembra il caso di ipotecare la propria giovinezza sull’altare di un cartone animato. Scappa, Charlene, scappa, finché sei in tempo: un bis non lo vuole nessuno.

10 commenti:

Brunella ha detto...

Caro ric,
Ma che se ne fa di un principe che potrà baciare quanto vuole....ma rimane un rospo, per comportamento assai poco regale ?
Un caro saluto
Brunella

Lindf .:°* ha detto...

ah, l'Amore... DIO NNI SCANSI!

(in palermitano: che Dio ci scansi dall'impatto con questo pazzo sentimento pazzo. Pressappoco.)

Linda

Adrians ha detto...

Grandissimo Riccardo! Con la tua ironia hai fatto capire tutto quello che si doveva capire!!!

PS. Quando torni a Fratelli e Sorelle d'Italia?

Anonimo ha detto...

i matrimoni reali sono come Sanremo, se non c'è la polemica non non va bene.... quella è molto magra, questa troppo sensibile...il mio invece... io, mio marito, 2 testimoni e il cane e ha pianto lui (non il cane... mio marito).

sempre un piacere farci un salto qui...

Anna

Sara ha detto...

Quanta saggezza in queste righe...
Complimenti Riccardo!
Il tuo blog, divertente e mai banale, riesce a strapparmi il primo sorriso della giornata (e di lunedì mattina è un'impresa davvero grande!).

S.

Anonimo ha detto...

:-)

Marella ha detto...

Ma perché non l'abbracci? Abbracciala!!! Sono riuscita a pensare solo a questo davanti a quelle lacrime. Lei così sola, anche in un momento che poteva essere magico, lui così assente! Le cronache di questi giorni parlano di luna di miele separata ma che importa. La verità è già in quelle immagini di due corpi, uno accanto all'altro, che non mentono.

Ric ha detto...

Brava Marella! Gli si chiedeva solo questo! Non oso pensare alla faccia di Grace... che avrà detto da lassù? "Questo è quello che ha imparato mio figlio??"

Anonimo ha detto...

I tempi cambiano... il self control si è trasferito nel principato monegasco
Cris

Sara ha detto...

Oh mamma mia, ero dispiaciuta io per Charlene!! Niente a che vedere con William e Kate, con lui che la guarda e le dice "Sei bellissima, ti amo" e Kate che davvero ha sposato un principe!! Charlene sembrava disperata quando piangeva e non riusciva a fermarsi...e Alberto lì a fare lo gnorri... 50 anni e passa, una nomea da inseminetor e manco una carezza, una parola, un abbraccio come ha detto Marella... nulla. E il bacio degli sposi? Lui ha anche indietreggiato che sembrava la stesse schifando!! Speriamo bene... per dirla alla Tiziano Ferro, è in una gabbia d'oro. Forse bellissima, ma pur sempre in gabbia. Io tifo per lei.