lunedì 4 luglio 2011

Quando arriva una multa


Quando arriva una multa, è una tragedia, non esiste niente, se non un telegramma foriero di notiziacce da sempre, che possa spaventare di più (che poi io lo so perché fa paura: è la parola GRAMMA, quella R e la doppia M sembrano un ringhio feroce: il solito problema onomatopeico). Nel tragitto che dalla portineria porta all’ascensore, dove ti viene consegnata insieme a uno sguardo sconsolato cui segue il nostro di rimprovero “non la poteva rifiutare?”, mille pensieri di vendetta e di rivalsa su tutto il corpo dei Vigili Urbani di tutto il mondo affollano il nostro cervello alla ricerca di mille modi per eludere la sanzione, partendo dal teorema “io non la pago”, perché qualsiasi cosa abbiamo fatto comunque non l’abbiamo fatto apposta. Primo step, vado dal vigile “amico mio”. Non esistono veri amici che siano vigili, tutte le altre armi sì, i pompieri, i poliziotti, i carabinieri, i sommozzatori, chiunque, ma di un vigile non ce la fai e la cosa bella è che non è colpa loro, è solo nostra: è più forte di noi, non siamo in grado di reggere lo sguardo di uno che ci rimprovera come una madre con il pargolo: “mi scusi, non l’ho fatto apposta” - “Ah, non ha visto che era direzione vietata? Che c’era il varco, che è corsia preferenziale, che è divieto di sosta, che è zona pedonale, che è vietato tutto? Non l’ha visto?”. Come fai a essergli amico, devi riconoscere che ha ragione lui e provi a dirglielo: “Mi scusi, mi ero distratto!” - “E allora, io posso farci niente, ormai hanno fatto il verbale, arrivederci, circolare!”. Quindi “amicizia” strada impossibile da praticare! E allora vado dall’avvocato, che ci parla lui al giudice di pace, glielo dice lui che a me una telecamera non può farmi la multa perché non ero io, non guidavo io, non era mio il motorino, c’è la privacy, non ero in città, insomma, no, non pago, non voglio pagare! E l’avvocato che ti dice? “Ma che c’è scritto sul verbale? Ché l’ha fatta la Sirio?” (che poi sarebbe il nome della telecamera, dal nome della stella luminosissima: vede TUTTO). Tu glielo leggi al telefono, sembra un’epigrafe: “impossibilità di fermare il veicolo in condizioni di sicurezza e nei modi regolamentari perché già distante dal posto di accertamento in servizio appiedato”. Ma che vuol dire? “Che stavano a piedi, erano vigili, t’hanno visto, non c’è niente da fare, stai più attento la prossima volta, ciao”. Quindi non rimane che la telecamera, Sirio o Panasonic che sia, potrà toppare una volta, una che è una? Vado dall’avvocato: “se c’è scritto Sirio ves, possiamo fare ricorso, però solo se siamo fortunati, se c’è gente al tribunale, se passa il tempo, se la perdono o si dimenticano, forse ce la facciamo, proviamo, dài, lasciami ‘sta multa, ci penso io!”. Oh, finalmente, lo sapevo io che c’era un metodo, il portiere può anche smetterla di accettare le multe tanto io non le pago, non sono mie! Dissolvenza, cinque anni dopo, il portiere sorride, è nato un bambino nel palazzo? Hanno consegnato una cassetta di champagne? “No! È arrivata la cartella esattoriale, mi sa che sono tasse...”. La apri: ed è di nuovo quella multa che si è decuplicata come i pani e i pesci. Sirio vince 2 a 0 contro la tua vita e suggerisce un altro metodo diverso da tutti gli altri messi in pratica fino adesso: pagare.

4 commenti:

Sbaluba ha detto...

Grande Riccardo, oggi in versione anti-vigile mi hai fatto sbellicare!
L'unico modo che esiste per togliere di mezzo una multa è pagarla al più presto possibile.
Quelli che l'hanno mandata sanno tutte le furberie del mondo per rispedirtela indietro ogni volta che cerchi di non pagarla!

Anonimo ha detto...

tempo fa m'avevano dato 2 punti extra come premio di buona condotta, 1 settimana dopo un vigile me li ha tolti!! malimorte'!!!!

Anna

tutounkanon ha detto...

Sei il solito..............genio :)

Se ti fa piacere aggiungermi ai tuoi links, a me di sicuro lo farebbe! :D

Ti aspetto sempre qui in provincia di Verona, spero prima o poi di riuscire a vederti on stage..
Buona vita!
umberto

Anonimo ha detto...

ciao, non so se qui è il posto più adatto però vorrei farti i complimenti per il programma "conosco un posticcino" perchè è davvero molto interessante.

Diciamo che ti conosco da poco perchè sono brasiliana e non conoscevo la TV italiana, comunque dopo aver visto il programma ho scoperto anche il tuo blog e devo dire che sei davvero bravo.

comunque mia nonna (che è veneta) è venuta in Italia questi giorni e lei si è innamorata del programma e ha pure detto: bravo quest'butel (mia nonna mischia brasiliano e veneto) e m'ha chiesto di registrare le puntate visto che in Brasile non le può vedere.

a presto

Yara