mercoledì 30 settembre 2015

Matches

Partendo dal presupposto di un famoso proverbio "la bara non ha tasche”,  voglio cominciare a usare PER FINIRLE, tutte le cosette, le minutaglie che albergano in una casa, cose che si tengono così, senza motivo, o per futili motivi, per averle dimenticate in un cassetto, per pigrizia, per tenerle. Una su tutte? I fiammiferi. Nei ristoranti, spesso quelli dove hai già deciso di non tornare mai più nella tua vita, all’uscita vicino alla cassa, accanto al pos per capirci, c’è una boule con centinaia di scatolette di fiammiferi con il logo del ristorante: infilarci una mano a rostro dentro per acchiapparne una manciata è un attimo. Quando torni a casa li butti in una scatola di palissandro sul tavolo basso del salotto pensando che se un giorno ci fosse una guerra non ti mancherebbero. Che ci faremo mai invece? Niente, per tutta la vita non ne useremo uno che è uno. Forse una volta, per accendere una sigaretta a una ragazza che andrà via subito dopo averla finita.
Per non parlare poi di quando ci troviamo ospiti di un albergo pazzesco (che non paghiamo noi, chiaro) che in bagno ha tutto il necessario per pulirsi in modo definitivo: saponette magnifiche, shampi, bagnischiuma, la crema body lotion, 4 cotton-fioc, la limetta per le unghie, la cuffia, il dischetto per togliersi il trucco (tutta quest’ultima robetta sta nel “vanity set” che non è un vademecum per accrescere la propria autostima e farcela nella vita come invece speravo). Tralasciando gli asciugamani (è furto), tutto il resto vola in valigia e poi si sa dove finisce: a casa nostra, in bagno nel cassetto del mobiletto bianco. Dimenticato. Ma non bisogna poi andare tanto lontano per trovare questi campioncini. Faccio un altro esempio: l’altro giorno ho ritrovato un DVD special edition di “La piscina” con Alain Delon e Romy Schneider (due mostri d’attori di una bellezza agghiacciante, ho dovuto mettere gli occhiali da sole da quanto mi facevano male gli occhi a guardarli!), e la scatola del DVD era troppo spessa tanto da chiedermi “ma quanti dvd di contenuti speciali ci saranno mai?”. Invece dentro c’era solo un campioncino di “Eau Savage”, pazzesco tra l’altro, che appunto sto finendo (è proprio da questo film che è tratta quella foto meravigliosa per l’omonima fragranza).
Il concetto però è questo: basta di prendere in giro questa roba: non si accettano più campioncini omaggio nelle profumerie, né si strappano quelli di Io Donna o di Vanity Fair. Perché io voglio vedere quanto tempo passa prima di sterminare tutte queste cianfrusaglie, e una volta a secco SCEGLIERE PERSONALMENTE il mio profumo e miei fiammiferi*. Oltre a ritrovarmi una casa di 4 metri cubi più ampia. ARIA!

* PS: cioè Eau Savage e gli svedesi.


3 commenti:

claudia ha detto...

Che dire un analisi perfetta, mi ricordo il campioncino di dopo barba(per il uomini ovviamente) e di crema per i capelli(per le donne) che ci omaggiavano i parrucchieri in regalo a Natale....come mi piacevano.

Gianluca ha detto...

ritrovarsi in ogni tuo post è un attimo :)

Cris g ha detto...

Molto belli I tuoi post..simpatici e interessanti..complimenti!